MAGGIO DEI LIBRI 2017

Giornata del libro ad Amatrice. I ragazzi dell’Istituto tecnico Aldo Moro di Passo Corese sono venuti appositamente con i mezzi pubblici a disposizione, per consegnare centoventi libri presi dalle loro librerie personali ai ragazzi dell’Istituto comprensivo di Amatrice. “Voltare pagina”, questo il titolo dell’iniziativa, nato da un’idea dell’alunno Gabriele Giannetti, perché “tutti noi” – scrivono i ragazzi nel testo che accompagna la donazione – “ pensiamo che un libro possa trasmettere forti emozioni, far sognare, cambiare la vita delle persone”. Parte dei libri è stata consegnata stamattina nell’aula computer del liceo scientifico, durante l’illustrazione della biblioteca digitale scolastica MLOL, lezione a cura del bibliotecario Sergio Serafini. Ai ragazzi dell’l’Istituto comprensivo di Amatrice, infatti, è stata donato il servizio di prestito digitale MLOL SCUOLA dalla Horizons Unlimited di Bologna, che ne è titolare.
In mattinata, il bibliotecario Sergio Serafini ha illustrato i vantaggi del servizio.
Durante la lezione, una delegazione di sette studenti dell’Istituto tecnico di Passo Corese, più la professoressa di Lettere Alessia Scacchi, ha consegnato i libri direttamente nelle mani dei ragazzi del liceo, motivando la scelta del libro preso dal loro scaffale personale.
Nella foto, la delegazione dei sette studenti, la professoressa Alessia Scacchi e il bibliotecario Sergio Serafini.

da cancellare 3da cancellare 4

Annunci

Continua la collaborazione con Origami

Continua la collaborazione della biblioteca di Amatrice con la rivista Origami, il supplemento settimanale de La Stampa, che con l’uscita n. 59 aveva già dedicato uno speciale alla scuola di Amatrice. In questo numero, si parla dei cento anni dalla rivoluzione russa. Un ringraziamento agli amici di Origami, che ci aiutano a mantenere alta l’attenzione su Amatrice.

Eccoli, Bellocchio e Leccamuffo arrivano ad Amatrice per aiutarci a ricostruirla.

bellocchio-e-leccamuffo-ad-amatrice-il-dipinto-che-abbraccia-amatrice-alcune-immagini-di-chi-non-ce-piu-oppure-il-monumento-ai-caduti

Scrive Andrea Blasetti su Sei di Amatrice se: Vale la pena spendere due righe per questo disegno . Era ormai quasi un anno che Sergio Serafini ed io , insieme ai figli e la moglie di Corrado Blasetti volevamo ricordare la memoria di questo scrittore e maestro di Amatrice . Corrado Blasetti , é di Amatrice , in quanto la sua mamma Maria D’Angelo e la sua famiglia é da tempo immemorabile Amatriciana DOC . Ci sembrava doveroso per Amatrice stessa e per lo scrittore dedicare una vignetta , con due dei suoi personaggi più conosciuti , Bellocchio e Leccamuffo , alla città dell’Amatrice . Il mio modesto disegno , che ricalca lo stile di uno dei migliori fumettisti Italiani , Giovanni Sforza Boselli , é un atto d’amore . Lo stile “vivace” del tratto e dei colori vuole far risaltare il messaggio propositivo rubato ai due personaggi , che pur essendo spesso in mezzo ai guai , non perdono mai il loro carattere positivo e pieno di speranza .

Assetto teatro per Amatrice: grazie ragazzi

Quando l’improvvisazione è un’arte! E’ stato un vero piacere domenica 8 gennaio assistere allo spettacolo di improvvisazione tenuto dai ragazzi del ….. presso il teatro di……….

Di fronte a un pubblico di 130 paganti ho assistito a 2 ore abbondanti di spettacolo teatrale, fatto di continui sketch basati sull’improvvisazione.

Aldilà della straordinaria bravura dei ragazzi, piace notare due cose. Innanzitutto, la solidarietà dimostrata per Amatrice. Il ricavato dello spettacolo infatti sarà destinato alla ricostruzione della biblioteca e del centro culturale San Giuseppe, dove, un mese prima del sisma, i ragazzi di Assetto teatro avevano dato luogo a un corso di formazione.

La seconda cosa è l’arte dell’improvvisazione. Un’arte a cui siamo affezionati, noi amatriciani, perché da sempre la poesia estemporanea accompagna la nostra storia.

A questo proposito, piace evidenziare che tra i ragazzi di Assetto teatro c’è Francesca Ciaralli, nipote d’arte, giacché nonno Celestino è stato un grandissimo poeta di Amatrice.

Come si suol dire in questi casi, buon sangue non mente.

Grazie ancora ragazzi. Un abbraccio grande.

1